Mental Coaching: Allenamento Mentale

Che cos’è il coaching (secondo me).

Non è semplice definire il coaching: con le parole, si finisce inevitabilmente per limitarne l’essenza. Credo che non si possa fare il coach: si tratta di un’attività che ha a che fare con l’identità di chi la esercita, quindi si può e si deve, piuttosto, essere coach.

Il Mental Coach è un professionista in possesso di particolari abilità linguistiche e competenze specifiche che è in grado di aiutarti nel raggiungere i tuoi obiettivi. Lo fa attraverso un dialogo sincero, un rapporto profondo che si instaura nei primi colloqui e si coltiva giorno dopo giorno, avanzati strumenti di comunicazione precisa ed efficace basati sui modelli della Programmazione Neuro Linguistica, alcune tecniche ipnotiche e visualizzazioni guidate, più il bagaglio di competenze ed esperienza che il coach porta con sé e che è in continuo progresso.

Il coaching è allenamento mentale. Il coach ti spiega e trasmette tecniche, strumenti e metodi per usare meglio la tua immaginazione, il tuo dialogo interiore, alcuni aspetti del tuo corpo, il tuo atteggiamento con lo scopo di sperimentare benessere emotivo, superare le difficoltà, risolvere i conflitti e raggiungere gli obiettivi.

Perché sono mental coach.

Per me, il coaching è la rappresentazione più elevata del miglioramento personale. Così come è meraviglioso allenare il tuo corpo per guadagnare benessere, salute e forza, l’allenamento mentale esprime un modo di vivere, una filosofia che ti porta a esplorare le straordinarie capacità della tua mente e ti insegna come utilizzarle al meglio per stare bene. Prendere parte ad un percorso di coaching è un’esperienza che rafforza l’autostima, accresce la confidenza in se stessi, dettaglia e migliora la definizione degli obiettivi e ti fornisce di strumenti specifici per appianare la strada verso il successo e la realizzazione.

Ho scelto di essere coach perché amo vedere il potenziale (prima) e il cambiamento (poi) nelle persone: tutti noi abbiamo un margine di crescita straordinariamente ampio, e mettermi al servizio di chi vuole colmare la distanza tra chi si è oggi e il massimo livello possibile è un enorme privilegio. Svolgo questa professione con grande umiltà, totale dedizione e assoluta passione: questo mi spinge a dare sempre il massimo, perché ritengo la tua soddisfazione e il tuo benessere una priorità assoluta e un tuo diritto.

Cosa non è il coach secondo me.

Il Mental Coach non è solo quello che comunemente si chiama motivatore. Non trovo del tutto corretto pensare che si debba e possa motivare qualcuno: il mio compito è collaborare con persone che abbiano un obiettivo, un desiderio o un progetto e fornire i migliori e più efficaci strumenti affinché questo diventi reale. In modo simile, il coach non è un terapeuta, ma svolge un’altra professione. Si occupa di persone che vogliono raggiungere l’eccellenza nello sport, nel lavoro e – più in generale – nella vita.

Cosa amo fare e come lo faccio.

Il coaching si articola in tre aree fondamentali: life, business e sport. Personalmente, adoro lavorare “a tu per tu”, in sessioni one-to-one cucite addosso alle tue esigenze, per darti esattamente quello che stai cercando. Ma il coaching si fa anche in team, in azienda, in outdoor, tramite strumenti telematici come l’email e le videochiamate e in altre modalità che possiamo concordare. Dopo un primo contatto in cui facciamo la reciproca conoscenza, preparo per te un programma personalizzato e lo sottopongo alla tua revisione: quando siamo d’accordo su che cosa fare esattamente e in che modalità, l’avventura ha inizio.

Puoi leggere nel dettaglio in che cosa consiste lo sport coaching e il life coaching e puoi anche richiedere il mio ebook gratuito per approfondire.

Se  invece vuoi cominciare subito a lavorare con me, contattami tramite questa pagina.

Consiglia questo articolo su Twitter e aiutami a far conoscere cos’è davvero il Mental Coaching, grazie!