Ho pubblicato il nuovo manuale sul Coaching Professionale. Leggi anche tu LA MIA VITA DA COACH 👍🏻

Tre nuovi spunti per vivere da coach

Created with Sketch.

Essere coach e vivere da coach non vale solo quando lo fai di professione: significa essere capaci di guidare gli altri verso l’espressione dei loro talenti. Quindi anche un maestro, un allenatore, un insegnante, un genitore sono coach: figure di riferimento in possesso di abilità che – correttamente trasferite a chi si affida loro – portano altre persone verso cambiamenti e miglioramenti.

Dopo avere già scritto di atteggiamento e mindset per essere coach efficaci e dopo avere illustrato alcune strategie per riuscirci al meglio, sono tornato come ospite al corso “Vita da Coach“: tre giorni molto densi dove si parla di mentalità, abilità, competenze e di molto altro che ruota attorno a coaching professionale.

Come sempre onorato e grato dell’opportunità, durante il mio intervento ho illustrato altri contributi che – più specificamente in un periodo di grandi cambiamenti come l’attuale – portano ulteriori benefici non solo a chi lavora come coach, ma anche più direttamente a noi come individui che cercano soluzioni nuove per migliorarsi e realizzare obiettivi e progetti.

Una vita da coach non è frutto di casualità, fortuna o talento: si poggia piuttosto sullo sviluppo di alcune abilità che richiedono un atteggiamento riassunto in questi tre punti principali.

Investi su te stesso

La prima riflessione ha a che fare con il timing attuale: gli eventi ci hanno dimostrato che occorre ancora più intelligenza e oculatezza quando scegliamo dove e come investire le nostre risorse. E questo è indiscutibilmente il momento migliore per puntare su noi stessi a livello di compenze, conoscenze e pratica: è una scelta sicura perché nulla di ciò che studiamo e impariamo ci può essere portato via dai fattori esterni, oggi particolarmente vivaci e imprevedibili. Ascolta questa parte del mio intervento:


Non conformarti (troppo)

È giusto che ci siano spazi di ragionamento condiviso in ogni società, dove tutti la pensiamo nella stessa maniera. Si chiama normalità ed è necessario conoscerne e rispettarne le regole. Ma questo non deve portare a un livellamento generale di ogni pensiero diverso. Conformarsi troppo appiattisce la crescita delle comunità ed elimina ogni eccellenza: teniamo il cervello acceso e continuiamo a difendere le nostre legittime opinioni:


Prendi i tuoi rischi

Stiamo vivendo una spinta eccessiva (e pericolosa) verso una società a rischio zero. A parte che ci si arriva solo attraverso la paura – che sappiamo essere una leva motivazionale che nel tempo si indebolisce ed è efficace solo nell’immediato – pensare di vivere senza rischiare è semplicemente… sbagliato. I rischi servono: è attraverso essi che l’essere umano impara, evolve e migliora. Continua a prenderti quindi qualche rischio ragionato e gioca la partita della tua crescita dove sei più forte:


Vivendo questi tre concetti e applicandoli nel quotidiano diamo una spinta notevole alle nostre capacità di essere riferimenti per gli altri e quindi di guidare con il nostro esempio le persone che a noi fanno riferimento. Sono tempi in cui la leadership è una qualità ancora più apprezzata e necessaria e abbiamo davanti anni importanti dove possiamo concretamente ricostruire qualcosa di grande.

Se preferisci, puoi rivedere la parte finale del mio intervento anche su YouTube.


ISCRIVITI ALLA COMMUNITY SUL COACHING

Concludendo il post, voglio ricordarti che puoi partecipare alla mia community e ricevere gratuitamente una notifica via email quando nuovi contenuti di qualità legati all’allenamento mentale e al coaching vengono pubblicati. Devi solo lasciare la tua email nella pagina dedicata ➚. Ti aspetto.